NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

La legge, denominata EU Cookie Law (legge europea sui cookies), è un'ammenda ad alcune precedenti direttive (precisamente del 2002) sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy. In Italia è stata approvata con il decreto legislativo 69/2012 e 70/2012 ed è in vigore dal 2 giugno 2015.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il testo integrale della legge al seguente indirizzo: http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/ALL/?uri=CELEX:32002L0058 e il sito del Garante sulla Privacy all'indirizzo: http://www.garanteprivacy.it.

Si è laureato in canto lirico con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “A.Boito” di Parma studiando con il M° Lelio Capilupi.
Ha frequentato Masterclass di canto con Elisabeth Norberg Schulz, Fiorenza Cedolins, Sonia Ganassi, Giacomo Prestia, Bruno De Simone e Roberto Frontali.
Ha approfondito lo studio della musica vocale da camera studiando con Reiko Sanada e frequentando Masterclass con Detlef Roth, Filippo Francis Faes, Guido Salvetti e Lorna Windsor.

Nel Novembre 2013 ha cantato nel ruolo di “Lodovico” nell'Otello di G. Verdi al Teatro Politeama Pratese.

Vincitore del Premio “Prato Iva Pacetti 2013”.

Nel Febbraio 2014 ha cantato nel ruolo di Norton ne La Cambiale di Matrimonio di G. Rossini al Teatro Regio di Parma e al Teatro Municipale “Romolo Valli” di Reggio Emilia (direzione M° Francesco Cilluffo, regia di Andrea Cigni).

Sempre al Teatro Regio di Parma nel Giugno 2015 ha cantato nel ruolo di “Yakusidé” e “L'ufficiale del Registro” nella Madama Butterfly di G. Puccini (direzione M° Francesco Lanzillotta, regia Giulio Ciabatti).

Si è classificato 1° al Concorso Internazionale di Canto “Franco Federici” di Parma, vincendo in contemporanea il Premio “ParmaLirica”.

Nell'Agosto 2014 ha partecipato al Festival “Orizzonti” di Chiusi (SI) cantando nel ruolo di “Guccio” nel Gianni Schicchi di G.Puccini (direzione M° Sergio Alapont, regia Roberto Catalano).

Ha partecipato nell'ottobre 2015 al Festival Verdi di Parma cantando nel ruolo di Glouchester nel “Verdi Re Lear” in una produzione di teatro sperimentale (musiche di Robin Rimbaud aka Scanner, regia di Francesco Pititto).

Nel Marzo 2016 ha eseguito la Sinfonia No.14 di Dimitri Shostakovich con l'Orchestra Camerata Strumentale Città di Prato diretta dal M° Jonathann Webb, eseguita in diretta su Rete Toscana Classica. Sempre con l'Orchestra Camerata Strumentale Città di Prato ha eseguito nel Marzo 2017 il Requiem di Gabriel Fouré.

Nel Giugno 2016 ha eseguito il Magnificat di J.S.Bach al Da Vinci Baroque Festival diretto dal M° Samuele Lastrucci. Nel Settembre 2016 ha eseguito il Requiem in re minore K.626 di W.A.Mozart con l'Orchestra da Camera di Perugia diretta dal M° Gary Graden alla Sagra Musicale Umbra.

Nel Novembre/Dicembre 2016 ha cantato nel ruolo di Colline ne La Bohème di G. Puccini in una tournèe in Francia (Theatre Gare du Midi, Theatre Le Pin Galant, Theatre Alexandre Dumas, Theatre le Forum de Frejus, Theatre Moliere, Theatre Montansier de Versailles, Theatre Saint-Louis e Theatre de l'Archipel) direzione M° Martin Màzik, regia Roberta Mattelli.

Nel 2017 inizia il suo impegno con l'Accademia del Maggio Musicale Fiorentino durante il quale partecipa tra l'altro alle produzioni: Macbeth di G. Verdi nel ruolo del Medico diretta dal M° Riccardo Muti, La Rondine di G .Puccini nel ruolo di Crèbillon (direzione M° Valerio Galli, regia Denis Krief), La Traviata di G. Verdi nel ruolo del Dott. Grenvil (direzione M° John Axelrod / Sebastiano Rolli, regia Alfredo Corno), Carmen di G. Bizet nel ruolo di Zuniga (direzione M° Ryan McAdams, regia Leo Muscato), Requiem in re minore K.626 di W. A. Mozart diretta dal M° Leonardo Garcìa Alarcòn, Alceste di C. W. Gluck nel ruolo del Banditore e dell'Oracolo (direzione M° Federico Maria Sardelli, regia Pier Luigi Pizzi), Cardillac di P.Hindemith nel ruolo di Der Führer der Prévôté (direzione M° Fabio Luisi, regia Valerio Binasco), La Battaglia di Legnano di G. Verdi nel ruolo di Podestà di Como (direzione M° Renato Palumbo, regia Marco Tullio Giordana), Il prigioniero di L. Dallapiccola nel ruolo del II°Sacerdote (direzione M° Michael Boder, regia Virgilio Sieni), Rigoletto di G.Verdi nel ruolo del Conte di Ceprano e Dott.Granville ne La Traviata (direzione M° Fabio Luisi, regia Francesco Micheli).

Ha partecipato alla Riccardo Muti Italian Opera Academy cantando nel ruolo del Medico nel Macbeth al Teatro Dante Alighieri di Ravenna diretto dal M° Riccardo Muti.

All'Auditoruim RAI di Torino ha cantato nel ruolo di Don Magnifico ne La Cenerentola di G.Rossini (direzione M° Giuseppe La Malfa, regia Manu Lalli).

Ha cantato con cantanti di fama internazionale tra cui: Francesco Meli, Luca Salsi, Roberto Aronica, Riccardo Zanellato, Maria Mudryak,Veronica Simeoni, Sergio Vitale, Jessica Nuccio, Laura Giordano, Valeria Sepe, Marco Spotti, Giuseppe Altomare, Jennifer Larmore, Leonardo Cortellazzi, Anna Maria Chiuri.


Giacomo Prestia nasce a Firenze; sua madre era soprano e suo padre direttore del coro e d’orchestra. Fin da piccolo respira aria di opera in casa, la lirica è sempre presente e si appassiona immediatamente non solo al canto ma anche ai personaggi ed alle trame dei libretti.

Quando assiste ad un concerto della “Dannazione di Faust” è letteralmente folgorato dal coro ed in particolare dalla sezione dei bassi. Decide così di iniziare a studiare canto per realizzare il suo sogno.
Tramite il  Maestro Gabbiani, direttore del coro di Firenze, fa la conoscenza di quello che diventerà il suo principale Maestro e mentore, Sergio Catoni.

Riesce ad entrare nel coro della sua città, dove rimarrà fino al 1992. Vincitore del Concorso lirico di Parma nel 1991 debutta nell’Alzira di Verdi a Fidenza e l’anno successivo al Teatro Regio di Parma. Nel 1992 vince il Concorso Luciano Pavarotti e interpreta a Philadelphia il ruolo di Colline nella Bohème e Baldassarre ne La Favorita.

Nel 1992 si ricorda la sua interpretazione di Angelotti nella diretta televisiva di Rai 1 di Tosca, allestita a Roma nei luoghi e nelle ore del capolavoro pucciniano e seguita da oltre un miliardo di persone in 117 paesi. Lo spettacolo, con la regia di Giuseppe Patroni Griffi, vede impegnati anche Catherine Malfitano (Tosca), Ruggero Raimondi (Scarpia), Plácido Domingo (Cavaradossi), Giorgio Gatti (Sacrestano) e l'Orchestra Sinfonica di Roma della RAI diretta da Zubin Mehta. L'evento è stato premiato con 3 premi Emmy.

Alla Teatro alla Scala debutta il 7 dicembre 1992 nella serata d'inaugurazione della stagione d'opera come uno dei Deputati fiamminghi in Don Carlo diretto da Riccardo Muti con Samuel Ramey, Luciano Pavarotti, Paolo Coni, Daniela Dessì e Luciana D'Intino.

Nel 1995 debutta all'Arena di Verona come Il re in Aida diretto da Nello Santi con Maria Chiara, Bruna Baglioni, Kristján Jóhannsson, Bonaldo Giaiotti e Giorgio Zancanaro.
Debutta nello splendido ruolo di Filippo II all’Opéra municipal de Marseille nel 1997 e nel Don Carlo di Giuseppe Verdi e nel 1998 quello di Jacopo Fiesco ne il Simon Boccanegra al Teatro Comunale di Bologna, dove nella stessa stagione avrà l'occasione di debuttare anche il ruolo di Timur ne La Turandot di Giacomo Puccini con la direzione di Daniele Gatti, La Forza del Destino diretta da Muti alla Scala nel 1999. A Bilbao nel 1999 canta in Gli Ugonotti con Marcello Giordani e nel 2000 Aida con Dolora Zajick all'Arena di Verona. All'Opèra National de Paris Bastille nel 2000 interpreta Oroveso in Norma diretto da Bruno Campanella con June Anderson e Sonia Ganassi. Nel 2001 è all' Opéra National de Marseille per la Messa di Requiem di Giuseppe Verdi, Ramfis in Aida e Pagano ne I Lombardi alla prima crociata, e nel 2002 per il Don Quichotte di Jules Massenet.


Alla Wiener Staatsoper nel 2001 debutta come Zaccaria in Nabucco diretto da Fabio Luisi con Maria Guleghina e Leo Nucci, nel 2003 Balthazar ne La Favorita. Nel 2004 interpreta il Conte Rodolfo ne La Sonnambula di Vincenzo Bellini all'Opera di Firenze e Banquo nel Macbeth di Verdi al Teatro de la Maestranza di Siviglia.
A gennaio del 2005 è Mefistofele nel Faust di Gounod all'Opernhaus Zurich; nel 2006 al Teatro dell'Opera di Firenze interpreta Timur nella Turandot con la direzione di Zubin Mehta.

A Barcellona nel 2007 debutta il ruolo di Filippo II nella versione francese in cinque atti del Don Carlos di Verdi ed a Marzo 2008 è Enrico VIII nell'Anna Bolena di Donizetti al Teatro Massimo di Palermo con Mariella Devia diretto da Marco Guidarini. Nello stesso anno torna a Vienna per una produzione del Simon Boccanegra con Mario Malagnini e Leo Nucci.
Nel 2009 al Teatro alla Scala di Milano è Ramfis in Aida diretto da Daniel Barenboim con Violeta Urmana, Salvatore Licitra e Juan Pons, ruolo che affronterà nuovamente l'anno successivo al Royal Opera House, Covent Garden di Londra diretto da Nicola Luisotti con Marcelo Álvarez, Micaela Carosi e Daniela Barcellona. Nel 2009 inoltre è alla Lyric Opera di Chicago per vestire i panni di Silva ne l'Ernani di Giuseppe Verdi diretto da Renato Palumbo con Salvatore Licitra e Sondra Radvanovsky.

L'anno 2010 lo vede protagonista del Festival Verdiano al Teatro Regio di Parma, nell'opera I Vespri Siciliani con Daniela Dessì, Fabio Armiliato, Leo Nucci e la bacchetta di Massimo Zanetti.

Nel 2012 è Oroveso in Norma al Teatro Regio di Torino con Dīmītra Theodosiou e Marco Berti e Filippo II in Don Carlo al Teatro comunale Luciano Pavarotti di Modena ed a Piacenza.

Nel 2013 è Jacopo Fiesco in Simon Boccanegra al Teatro Regio di Parma con Roberto Frontali ed al Teatro Regio di Torino, in occasione dell'anniversario della ricostruzione dello stesso, sotto la direzione di Gianandrea Noseda interpreta Filippo II in Don Carlo. Entrambi gli spettacoli con la regia, scene e costumi di Hugo de Ana.

Nel 2014 è Timur in Turandot con Carmen Giannattasio a Torino, Ramfis in Aida con Fiorenza Cedolins allo Sferisterio di Macerata e Jacopo Fiesco in Simon Boccanegra al Gran Teatro La Fenice di Venezia diretto da Myung-Whun Chung con Simone Piazzola, Maria Agresta e Francesco Meli trasmesso da Rai 5. Sempre nel 2014 è Narbal in Les Troyens di Berlioz diretto da Antonio Pappano con Gregory Kunde, Anna Caterina Antonacci e Daniela Barcellona. Lo stesso anno lo vede protagonista nel Don Carlo alla Wiener Staatsoper con Roberto Alagna e Adrianne Pieczonka; riprenderà nuovamente il ruolo nel 2015 e nel 2017 alla Deutsche Oper di Berlino con Anja Harteros e Rolando Villazon.

Nel 2016 debutta il Mefistofele di Arrigo Boito al Teatro Verdi di Pisa per la regia di Enrico Stinchelli con Antonello Palombi e Valeria Sepe. Nello stesso anno è alla Sydney Opera House per Simon Boccanegra.

Nel 2017 è Ramfis nell'Aida verdiana al Teatro de la Monnaie di Bruxelles e Filippo II nel Don Carlo alla Deutsche Oper di Berlino. A Gennaio 2018 è Sparafucile ne il Rigoletto di Giuseppe Verdi al Teatro Regio di Parma, con Leo Nucci, Rossana Rinaldi, Jessica Nuccio con la direzione d'orchestra di Francesco Ivan Ciampa. A Marzo dello stesso anno è Alvise Badoero ne La Gioconda di Amilcare Ponchielli nei Teatri di Piacenza, Modena e Reggio Emilia, diretto da Daniele Callegari con Francesco Meli, Saioa Hernandez, Sebastian Catana, Anna Maria Chiuri e Agostina Smimmero. A Luglio è Banco nel Macbeth di Giuseppe Verdi a Liège, con Leo Nucci, Tatiana Serjan e la direzione di Paolo Arrivabeni.

Dal 2006 intensifica l'attività di docenza e Masterclass in diversi conservatori ed enti lirici italiani ed è docente stabile all'Accademia del Ridotto di Stradella dal 2017.

Ad Ottobre 2017 pubblica il suo primo libro, un thriller dal titolo "Operazione 1009" edito dalla Viola Editrice, libro che vince il Premio Speciale Logos Cultura al Concorso Letterario Internazionale Città di Cattolica (aprile 2018).

La sua brillante carriera lo porta a collaborare con i più prestigiosi direttori d’orchestra: Claudio Abbado, Myung-Whun Chung, Antonio Pappano, Zubin Mehta, Riccardo Muti, George Pretre, Daniel Oren,  Nello Santi e moltissimi altri. Il suo curriculum si arricchisce dal lavoro svolto con registri di fama mondiale quali De Ana, Vick, Zeffirelli, Maestrini, Pier’Alli, Kokkos e Krief.

 

 


Vincitore del Concorso del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto e già membro dell’Accademia Chigiana e di quella dell’ Arena di Verona, Gabriele Ribis è stato ospite dei più importanti teatri nazionali come l’ Opera di Roma, il Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro la Fenice di Venezia, il Teatro Comunale di Bologna, il Teatro Filarmonico e l’ Arena di Verona, il Teatro Massimo di Palermo e altri sia in ruoli principali che di fianco.

Ha iniziato la sua carriera internazionale nel ruolo di Guglielmo nel Così fan tutte, ultima produzione di Giorgio Strehler interpretata in Spagna, Germania, Italia, Giappone, Grecia e Russia. Ospite regolare all’ Opéra de Monte-Carlo è anche stato invitato in importanti teatri e festivals internazionali quali l’ Opera di Zurigo (Svizzera), l’ Israeli Opera Tel Aviv, il Festival di Perelada (Spagna), i teatri nazionali di Praga (Rep. Ceca), di Maribor (Slovenia), di Rijeka (Croazia) e di Kazan (Fed. Russa).

I ruoli da protagonista interpretati includono, fra gli altri, Don Giovanni, Almaviva ne Le nozze di Figaro, Danilo ne La vedova allegra, Belcore ne L’elisir d’amore, Figaro ne Il barbiere di Siviglia, Dandini  ne La Cenerentola, Escamillo in Carmen.

In concerto ha cantato Carmina Burana, Ein Deutsches Requiem nonché programmi di musica sacra oltre che di lieder francesi e tedeschi. Spesso è richiesto per il repertorio contemporaneo in cui oltre a diverse prime assolute ha interpretato con particolare successo,  in prima nazionale in Italia e Repubblica Ceca, il ruolo di Mamoud in The death of Klinghoffer di John Adams.


Shi ZongShi Zong è nato nel 1982 a Neimongol in Cina. Si è diplomato nel 2007 al Conservatorio di Stato A.V. Nezhdanova di Odessa sotto la guida di Vlatimir Darasov e Stanislav Kavarevsky. Grazie ad una borsa di studio assegnata dal Governo italiano ha avuto l’opportunità di studiare al Conservatorio Santa Cecilia di Roma e all’Accademia Donizetti a Milano con il basso Bonaldo Giaiotti, il baritono Gianni Maffeo e il vocal-coach Leonardo Marzagalia.

Nel suo repertorio figurano, inoltre, anche le seguenti opere: Simon Boccanegra (Fiesco), La Forza del Destino (Padre Guardiano), Un ballo in maschera (Samuel), Norma (Oroveso), Don Pasquale (Don Pasquale), La Bohème (Colline), Tosca (Angelotti), Il Barbiere di Siviglia (Don Basilio), Italiana in Algeri (Haly), La Gioconda (Alvise Badoer), Andrea Chenier (Roucher).
 
Nel 2012 ha debuttato Ferrando ne  Il trovatore  al "Pandino Opera Festival" e al "Cunardo Opera Festival" e nel 2013 ha debuttato i ruoli del Re e Ramfis al National Theatre of China di Pechino, alla Fu Zhou Opera, alla Shen Zhen Opera e alla Ning Bo Opera.
Tra i ruoli debuttati recentemente in Cina: Banco (Macbeth), Sparafucile (Rigoletto), Zio Bonzo (Madama Butterfly), Timur (Turandot).
 
Durante la stagione 2014/15 ha frequentato il programma di perfezionamento Placido Domingo a Valencia prendendo parte ad alcune produzioni e come cover per i ruoli di Oroveso e Zaccaria.
 
Ha frequentato nel 2015 l’Accademia Rossiniana presso il Festival Rossini di Pesaro partecipando a  Il viaggio a Reims (Don Prudenzio), inoltre, nello stesso anno ha cantato il ruolo del Grande Sacerdote in Nabucco presso il Palau de les Arts Reina Sofia (Valencia).

Nel 2016 è Timur in Turandot con l’AsLiCo nel progetto OperaDomani, poi Il governatore ne Le Comte Ory e Clemente in Bianca e Gernando al Festival Rossini in Wildbad, il Dottore in La Traviata al Festival di Erl e a Reggio Emilia, Bergamo, Modena, Como, Pavia, Cremona e Brescia, Don Magnifico in La Cenerentola a Lunenburg e a Liverpool Astor Theater, Ramfis in Aida al Teatro Verdi di Busseto.  .
Nel 2017 è lo Zio Bonzo in Madama Butterfly con l’AsLiCo nel progetto OperaPocket; Nabucco a Como; Turandot in Oman; Ramfis in Aida al Teatro Greco di Taormina e al Grand Theater Culture and Arts Centre (SuZhou) e successivamente ha cantato il ruolo di Raimondo Bidebent nella Lucia di Lammermoor presso il Teatro Verdi di Trieste.

Ha cantato, tra gli altri, sotto la direzioni dei maestri: Abbado, Zedda, Luisotti, Tebar, Lopéz-Gomez, Fogliani, Acocella, Eiichi, Lazanillotta, Ceccherini, Rivani, Crescenzi, Zhong, Palumbo, Carminati.

Ha inoltre, lavorato con i registi quali: Miller, Gaitanou, Kokkos, Sagi, Courir, Berloffa, Frattola, Rohrwacher, Kuhn, Spirei, Apollonio, Grinda, Paoli, Ciabatti.
 
Concorsi internazionali
2012: III Concorso Internazionale Diva Marina – I premio; II Concorso Internazionale “Franca Mattiucci” – II premio; XXX Concorso "Premio Boni" – premio speciale.
2009: I Hong Kong International Competition – I premio; XIV China CCTV Singer Competition – II premio.


Contatti


SPOLETO
06049, Via Finlandia, 46 (Perugia) - Italy
VERONA
37123, Via Via Scarsellini, 31 (Verona) - Italy


CONTATTI DIRETTI

(+39) 345 95 32 161
Giorgio Trucco

(+39) 335 27 67 67
(+39) 348 87 33 827
Franco Silvestri



SEGRETERIA

(+39) 045 81 04 688
Giulia Dal Colle


info@liricamanagement.com Informazioni generali
audizioni@liricamanagement.com Audizioni
trucco@liricamanagement.com Giorgio Trucco
silvestri@liricamanagement.com Franco Silvestri
© 2019 LiricaManagement. InScena Management in association with Lirica International. All Rights Reserved